Saluto il maestro Uto Ughi, il Ministro Sangiuliano e la vice Presidente della fondazione Natascia Chiarlo. Come Parlamento e come Commissione Cultura siamo presenti per dare tutto il nostro sostegno a questa iniziativa.
La sensibilità per la musica – come dice anche il maestro – è sensibilità per il mondo e per gli altri. Da sempre rappresenta un linguaggio comune che unisce popoli ed ispira bellezza. “Contro tutto e contro tutti, fare opera di melodia”, diceva Giacomo Puccini, di cui quest’anno ricorre l’anniversario della morte. La musica è uno strumento fondamentale di evoluzione culturale e spirituale della specie umana. In un contesto geopolitico come questo le arti hanno un ruolo fondamentale: costruire legami e relazioni. Bene la volontà di dedicare questo concerto all’armonia e alla bellezza.
Uto Ughi è un ambasciatore del nostro patrimonio musicale nel mondo. Con il suo violino “Guarneri” del settecento ha emozionato le platee di tutti i continenti. Al suo talento ha sempre ribadito l’importanza dello studio e della disciplina. In una recente intervista ha detto che “il violino non perdona se lo si trascura. E’ un tiranno inesorabile, non dà tregua”. è un bene per l’Italia e il suo sistema culturale che questo stesso impegno oggi sia finalizzato anche per la sua fondazione, che promuove la musica classica e contribuisce al rilancio culturale della Nazione attraverso le nuove generazioni. L’iniziativa del 10 maggio è l’ennesima prova di questo sforzo.
Come legislatori e come Parlamento siamo al suo fianco. L’educazione musicale è fondamentale per permettere che i nostri artisti e la nostra musica siano sempre più un vettore culturale ed economico. è un onore premiare il maestro con il riconoscimento della Camera dei deputati per l’eccellenza raggiunta nella carriera e per l’impegno nella promozione e la valorizzazione della musica classica in ambito nazionale ed internazionale.
Concludo con un passaggio di commento – che il maestro Ughi ha ricordato in occasione della presentazione della sua fondazione – di Thomas Mann alla propria opera “La Montagna incantata”: “la musica ci sveglia al più raffinato godimento del tempo, e in quanto sveglia è morale.” L’iniziativa del 10 maggio deve essere la sveglia per tutti noi per lavorare alla valorizzazione del nostro patrimonio musicale.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Premiazione Maestro Uto Ughi e presentazione concerto “Uto per giovani”

Category: evidenzaNotizie
0
526 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *