Dopo 46 anni gli omicidi di Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni ancora non hanno un colpevole. I misteri che avvolgono la vicenda sono inquietanti. Penso alla Skorpion utilizzata nella strage, che, come dice Valerio Cutonilli al Giornale, è la stessa che nel 1985 ammazza il professor Ezio Tarantelli, economista di sinistra; nel 1986 l’ex sindaco di Firenze, Lando Conti e nel 1988 Roberto Ruffilli, senatore della Dc, a Forlì. Poche settimane dopo, infatti, i carabinieri irrompono in un covo delle Br a Milano e trovano l’arma, di cui la proprietà non è mai stata accertata. Le ipotesi continuano ad essere molte, ma l’unica cosa certa è che la verità è lontana dall’essere trovata. Sono vittime del terrorismo riconosciute dallo Stato. Come Fratelli d’Italia auspichiamo che vengano riaperte le indagini su questi fatti e che venga fatta chiarezza su tutti i ragazzi morti, di destra, di sinistra e delle forze dell’ordine, durante gli anni di piombo per le proprie idee.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Su Acca Larentia bisogna riaprire indagini per verità storica

Category: Notizie
0
199 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *