Sosteniamo convintamente la conservazione e la valorizzazione dei patrimoni artistici e culturali italiani nonché delle dimore storiche su cui abbiamo fatto un grande lavoro anche in legge di bilancio, andando ad istituire un fondo nazionale per i beni privati e prevedendo una serie di iniziative fiscali di alleggerimento riconoscendoli come circuito sussidiario culturale di primaria importanza. La bellezza dell’Italia e del suo patrimonio non va cercata solo nei monumenti ma anche nel tessuto diffuso, nei beni custoditi dai privati, nelle bellezze delle dimore storiche, nelle mille chiese e nei borghi.

Oggi in conferenza stampa a Montecitorio per la presentazione di Confrestauro, la nuova associazione per il restauro in Italia, che riunisce gli addetti del settore, restauratori ed architetti ma anche aziende specializzate, l’ho ribadito: dobbiamo fare del restauro una nostra eccellenza dopo anni di mortificazione. Lo scopo è quello di creare una rete di competenze complementari anche per il Pubblico, per le Soprintendenze.  La Commissione Cultura plaude alla combinazione tra tradizione e innovazione per la tutela del nostro patrimonio culturale e del patrimonio diffuso che richiedono azioni precise, come le politiche di defiscalizzazione su cui continuiamo a lavorare per potenziarle perché deve essere chiaro che possedere beni privati di prestigio e di storia non è un privilegio ma un onere che si assolve anche per la comunità.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Restauro sia eccellenza italiana, va sostenuto

Category: Attualità
0
514 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *