Con l’approvazione all’unanimità del testo di legge sulla pirateria digitale abbiamo scritto una pagina parlamentare di collaborazione nazionale. Con questa legge doteremo, non appena approvata in seconda lettura, la Nazione di una tutela adeguata al diritto d’autore e allo stesso tempo continuiamo a difendere il diritto alla libertà di manifestazione del pensiero e del diritto di cronaca che sono, per noi, principi basilari dell’espressione sulla rete. Andiamo nella direzione di garantire la nostra economia e tutelare migliaia di posti di lavoro.

Il danno della pirateria in termini di Pil è di oltre 700 milioni di euro, mancati introiti fiscali per 319 milioni di euro e perdite anche in termini di occupazione con una stima di circa 10 mila posti di lavoro messi a rischio. La legge era nata nella scorsa legislatura come una soluzione tecnica alla pirateria delle piattaforme sportive ma è diventata, con radicali modifiche del testo insieme alla collega Maccanti, una vera e propria legge quadro. Come riconosciuto da Anica, Fapav e da tutte le associazioni di categoria della filiera, l’aggiunta dell’audiovisivo al testo è stato fondamentale.

Rivedi il mio intervento sul tema a Rainews24.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Pirateria, legge quadro è impegno trasversale di tutte le forze politiche

Category: Attualità
0
515 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *