l43-eleonora-abbagnato-foto-121210210513_big

Non possiamo che fare i complimenti ad Eleonora Abbagnato per la sua nomina a direttrice del corpo di ballo del Teatro dell’Opera e per il suo coraggio. È una grande e brillante interprete e protagonista della danza internazionale. Peccato che al Costanzi non ci sia più il corpo di ballo, ridotto al lumicino da una politica autolesionista, e la grande danzatrice italiana dovrà impegnarsi prima di tutto a garantirsene uno degno della storia dell’Opera e della sua bravura.

Per il resto stiamo assistendo ad una mutazione genetica del cartellone operistico romano. Da tempio della lirica a location per concerti anche pop e spettacoli, magari anche di qualità, ma che con l’Opera non hanno nulla a che fare. In realtà, questa è la diretta conseguenza di una scelta, quella del sindaco Marino, di mettere al Teatro Costanzi un manager abituato ad affittare location, ma non a produrre cultura. E Fuortes non ha fatto altro che trasferire il suo “caravanserraglio” dall’Auditorium, da cui è stato amabilmente cacciato, al Teatro di Roma.

Avremo ora un’Opera “Frankenstein” con parti di pop, arte equestre e sperimentazione che con l’eccellenza lirica italiana hanno poco a che fare, come ad esempio Elton John a Caracalla. Questa non è altro che la vendetta di Carlo Fuortes per essere stato costretto a lasciare l’Auditorium e sta replicando qui il suo sistema di concorrenza sleale, prima con l’organizzazione privata, ora anche con quella pubblica. Diciamo addio all’Opera di Roma.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Opera, benvenuta Eleonora ma …

Category: caroselloevidenzaNotizieslider
0
307 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.