Con l’insediamento di nuove imprese nell’area del Campo Boario, l’Altraeconomia mantiene potenziandolo, il suo fine promozionale della cultura e della economia bio-ecocompatibile. Il centro è un incubatore di imprese con fondi del Ministero dello Sviluppo Economico, e le imprese vi sono state insediate per un periodo di tre anni, come prevedeva il bando al quale hanno partecipato ed il contratto che hanno sottoscritto. Questo periodo di incubazione è scaduto nel settembre 2010, è stata data così agli operatori una proroga di sei mesi ed è stato emesso un nuovo bando pubblico aperto a nuove imprese, rivolte a tutte quelle che possono concorrere in questo programma, non solo per una astratta intestazione bio-eco, ma anche per la concreta natura del loro progetto. Un mercato alimentare aperto alla città è già presente nel centro e verrà confermato, questa volta chiamandolo però, a supportare i costi di mantenimento della struttura. Ciò consentirà all’Amministrazione capitolina, di risparmiare oltre 200 mila euro l’anno. L’alzata di scudi da parte del centrosinistra è quindi solo l’espressione della resistenza di quanti hanno inteso l’insediamento non come opportunità ma come appropriazione. Questo bando, rappresenta una grande opportunità per gli operatori del settore e per la promozione della filiera agricola-biologica, oltre a preveder un risparmio all’Amministrazione. Per queste ragioni sono paradossali le polemiche dell’opposizione su questa vicenda, nei confronti di una procedura trasparente e pubblica indetta dal Campidoglio. Non ricordiamo infatti, che i consiglieri del centrosinistra abbiano censurato in egual modo le precedenti amministrazioni comunali, che avevano scelto l’assegnazione diretta come modus operandi.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Altraeconomia, al via il nuovo bando

Category: caroselloNotizie
0
212 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.