esami.jpg

Ieri ha preso il via l’esame di maturità 2010, che quest’anno ha visto coinvolti mezzo milione di candidati suddivisi per oltre 28mila classi. Tra le prove scritte dei temi, a sorpresa è apparsa la traccia che parlava del dramma delle Foibe, una pagina della nostra storia per troppi anni rimossa e dimenticata, che soltanto in questi ultimi anni è stata riportata all’attenzione degli italiani. Riteniamo un segnale storico l’introduzione di questo argomento, dispiace soltanto che solo lo 0,6 per cento degli studenti l’abbia scelto, a dimostrazione di una troppo lunga obliterazione della memoria storica portata avanti dal circuito chiuso della storiografia di sinistra, che per anni e tutt’ora tranne rare eccezioni, continua ad essere adottata da professori di parte, che non puntano alla formazione di una memoria condivisa nei ragazzi, obiettivo etico e storico da seguire, bensì alla formazione ideologica di studenti che arriveranno all’università ignorando che cosa furono le Foibe, o peggio avendone un’opinione deviata e disinformata. Auspico che il ministro Gelmini insieme al ministro Meloni, che molto hanno fatto per la diffusione e la sensibilizzazione su questo tema, possano avviare dei programmi specifici che coinvolgano anche i media giovanili, ad esempio con videointerviste ai parenti e ai testimoni diretti, che sono ancora migliaia, da portare nelle scuole non solo il 10 febbraio giorno della memoria delle Foibe, ma tutto l’anno con un programma speciale finanziato.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Il tema delle Foibe alla maturità, una scelta epocale

Category: Notizie
0
177 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.