foro_italico_0708908470.jpg

Una mappatura completa di tutta l’impiantistica legata allo sport nella città di Roma, che evidenzia quante sono e dove sono collocate nella città le strutture adatte a praticare sport, come piscine, palestre, campi da calcio o di tennis. In più una serie di indagini demografiche e sociali per disegnare l’identikit del romano sportivo e per capire quanti sono i cittadini della Capitale che praticano sport. Questi i dati del Piano Regolatore dello Sport a Roma, presentato ieri in Campidoglio dal sottoscritto come presidente della commissione Cultura e Sport e dal collega Alessandro Cochi in qualità di delegato del sindaco allo Sport. Dalle analisi presentate, effettuate dalle Università La Sapienza e Foro Italico, emerge un quadro a forti numeri. A Roma esistono oltre 2.500 strutture dove fare sport, e la spesa sportiva annua è di oltre 3,2 miliardi di cui 454 milioni sono le spese pubbliche e private mentre 2,7 miliardi quelle delle famiglie. Nello specifico è stata presentata anche la mappatura specifica di tutti gli impianti cittadini e sono state tracciate le caratteristiche dei praticanti, sempre più anziani ma anche giovani, nei parchi, nelle palestre e anche in casa. Questo è solo l’inizio, e successivamente si inizierà a lavorare sul campo per le nuove strutture da realizzare. Del resto non era mai stato fatto nulla di simile a Roma, e per la prima volta abbiamo fotografato il quadro esistente. Ora dobbiamo comportarci come un privato che volesse realizzare nuovi impianti, individuando luoghi e nicchie. Ovviamente qualcuno è infastidito dal fatto che l’Amministrazione capitolina sia dia tanto da fare su questo tema, mi riferisco al consigliere del Pd Paolo Masini, che non perde mai occasione per straparlare e fare critiche strumentali, forse perchè quando la sinistra era alla guida di Roma, non è stata capace di fare nulla. Questa volta il consigliere Masini viene colto in fuori gioco. Innazitutto ci piacerebbe sapere di cosa sta parlando l’esponente del Pd, considerato che sono stati presentati i risultati dei lavori della prima e seconda fase delle quattro previste per la redazione del Piano Regolatore dello Sport a Roma, in ossequio a quanto stabilito dalla delibera di Giunta comunale del febbraio 2009. Dispiace poi che Masini non ricordi che il Piano è stato discusso in commissione congiunta con l’Ufficio Sport, commissione durante la quale sono state ampiamente illustrate le quattro fasi previste e che ha visto anche il coinvolgimento dei consiglieri del Pd e dello stesso Masini.  

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Presentato Piano Regolatore dello Sport a Roma

Category: Notizie
0
249 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.