colleoppio03.jpg

Mi vedo costretto a tornare sull’argomento del campo di calcetto ubicato a Colle Oppio, in quanto continuano le dichiarazioni di parte di una certa sinistra, che pensa di farsi campagna elettorale in vista delle Europee. E’ davvero singolare quanto stia a cuore il torneo dell’associazione sudamericana al Pd e alla Uisp. Non posso accettare che il centrosinistra propagandi, in nome del politicamente corretto e dell’integrazione, un’operazione già iniziata con la sinistra al governo della città e proprio con la Uisp, con l’evidente obiettivo di “regalare” un campo di calcio e un’area di parco archeologico ad una sola associazione senza un bando pubblico. E’ sconcertante che addirittura un assessore provinciale, insieme con altri esponenti delle istituzioni, cerchino di tutelare e promuovere un’operazione che tutto è tranne che trasparente. Abbiamo accettato da subito il confronto e il dialogo, tanto che lo stesso presidente dell’associazione, Andres Santos, è stato da me ricevuto in commissione Cultura e Sport senza appuntamento, tuttavia non accetteremo diktat nemmeno di fronte a manifestazioni e occupazioni. Chi conosce bene Colle Oppio sa quanto quel torneo ha creato e attratto degrado nell’area circostante che, anche se non attribuibile agli organizzatori del torneo, ha provocato disagi a chi abita in quel quadrante della città. A chi oggi ci accusa, rispondo che stiamo mettendo a punto un bando pubblico, anche se comprendo che per il collega Masini e gli esponenti della Provincia, questa operazione possa sembrare quanto meno inusuale, visto che loro erano abituati diversamente.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Sul campo del Colle Oppio non accettiamo imposizioni

Category: Notizie
0
506 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.