eur-colosseo.jpg

Il suo nome originario era E42 da Esposizione 1942, poi variato in EUR dall’acronimo di Esposizione Universale di Roma, oggi conosciuto come zona residenziale e sede di uffici pubblici importanti quali il Ministero delle Comunicazioni, la Confindustria, la sede centrale dell’ENI, nonché le sedi italiane di numerose multinazionali, il quartiere dell’Eur è con la sua architettura razionalista, il quartiere moderno per eccellenza.  A questo riguardo la mostra fotografica “L’Eur in trenta scatti”, che come presidente della commissione Cultura ho avuto il piacere di presentare a Roma nel Palazzo delle Scienze, ci racconta attraverso un percorso per immagini questo quartiere unico, che rappresenta ancora oggi un modello urbanistico e architettonico ammirato in tutto il mondo. Attraverso trenta scatti rigorosamente in bianco e nero, datati tra il 1938 e il 1960, si possonno ammirare scorci, panoramiche e notturni in buona parte inediti che ripercorrono l’evoluzione di questo quartiere, nato dall’idea di Giuseppe Bottai, che lo ideò come un luogo che rappresentasse ed esaltasse la civiltà italiana. L’imponenza e l’architettura dei palazzi, che si rifa ai fasti dell’antico Impero Romano, fu progettata dai migliori architetti dell’epoca come Piacentini, nominato poi Sovrintendente ai Servizi dell’Architettura, Rossi, Vietti, Pagano e Piccinato. Tra alterne vicende poi, l’Eur è arrivato ai nostri giorni, dove tutt’ora è esempio della genialità architettonica italiana. Nata dalla collaborazione tra Eur Spa e Alinari Sole24Ore, la mostra vuole quindi essere un documento che racconta sia da un punto di vista sociale che antropologico, un quartiere simbolo della città di Roma.  

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Il quartiere dell’Eur in trenta scatti fotografici

Category: Notizie
0
269 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.