fosseardeatine1.jpg

Con la deposizione di una corona di fiori da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del sindaco Gianni Alemanno, si è aperta la cerimonia in ricordo delle vittime dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, avvenuto 65 anni fa. Per la dimensione della strage, le Fosse Ardeatine sono e resteranno per sempre una ferita indelebile nella memoria della città di Roma. Trecentosessantacinque persone, in gran parte civili, furono trucidate come atto di rappresaglia per un attentato -contro le truppe di occupazione tedesca- avvenuto il giorno prima in via Rasella. Anche noi come Consiglio comunale oggi abbiamo voluto ricordare questo efferato eccidio, attraverso un minuto di silenzio prima dell’inizio della seduta di Consiglio. Mi chiedo quindi come si possa strumentalizzare un momento così importante per la memoria della nostra città, inscenando una pantomima come quella fatta dal consigliere comunale Andrea Alzetta, che durante il minuto di silenzio in aula si è presentato con il pugno sinistro chiuso e alzato. Ci tengo a dire che la commemorazione della vittime delle Fosse Ardeatine dovrebbe essere senza colore politico, perchè dovrebbe unire e non dividere.   

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

24 marzo 1944 – ricordando le Fosse Ardeatine

Category: Notizie
0
379 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.