cinesi01.jpg

Siamo finalmente giunti alla svolta decisiva al rione Esquilino. Come vi avevo comunicato nei giorni scorsi da queste stesse pagine, la Giunta capitolina aveva approvato la delibera inerente la tutela e la riqualificazione del commercio nel rione Esquilino, e finalmente ieri è arrivata anche l’approvazione del Consiglio comunale. Addio a Chinatown e più spazio al made in Italy. Divieto di apertura a nuove attività di vendita e produzione di abbigliamento, pelletteria, bigiotteria, niente vendita all’ingrosso e forti limiti a nuovi negozi di souvenir. La “rivoluzione” per il quartiere  è iniziata ieri nell’aula Giulio Cesare, con 35 sì e 4 astenuti. Il nuovo piano di interventi per il rione capitolino, impegna inoltre ad individuare strumenti idonei di valorizzazione e sostegno delle attività commerciali e artigianali tradizionali. Inoltre le nuove regole a differenza del passato, quando il piano di tutela del commercio all’Esquilino scadeva ogni due anni, non hanno più un limite temporale e per la deroga all’apertura di attività comprese nell’elenco di quelle vietate o limitate, verrà costituita una commissione in capo all’assessorato al Commercio. Un piano di riqualificazione con confini ben precisi che vanno da via Labicana a viale del Monte Oppio, da via del Viminale a via Merulana, un quadrilatero che abbraccia buona parte del rione Monti e che ingloba parte del quartiere di Castro Pretorio. Finalmente una battaglia storica della destra, iniziata con Rampelli e Marsilio, che ho continuato a portare avanti insieme anche al collega municipale Tozzi, trova oggi la sua soluzione finale.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Chinatown addio, Esquilino sotto tutela

Category: Notizie
0
423 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.