fratelliditalia.jpg

Un quarto di secolo non cancella la memoria di eroi caduti per un ideale. Dal Risorgimento fino al volgere degli anni ’70, un percorso di ardimento, patria, idee e sentimenti puri. Al cimitero munumentale del Verano in Roma, domenica ci siamo ritrovati nel ricordo e nella memoria di tanti giovani, che si immolarono perchè la nostra nazione si evolvesse senza incertezze. Un appuntamento che di anno in anno è cresciuto sempre più nei cuori e nella partecipazione anche delle nuove generazioni. Una visita che è partita dai gloriosi anni del nostro Risorgimento e dell’Unità d’Italia, con un omaggio a Goffredo Mameli, cantore dell’amor patrio che combattendo eroicamente, cadrà a soli ventidue anni. Un secondo momento di raccoglimento nel ricordo dei nostri ragazzi caduti per un ideale di libertà, progresso e giustizia, in anni di grande conflitto politico, sfociato in violenza senza quartiere, ai quali contrapposero un nuovo messaggio espresso con la forza del perdono e non della vendetta. Infine davanti al Sacrario militare di tutte le guerre, un monito alla barbarie di tutti i conflitti, a partire dai ragazzi del ’99 che fecero grande l’Italia contro l’esercito austro-ungarico e scrissero con il loro sangue la nostra storia. E da lì Trento e Trieste, i ragazzi di Fiume e poi ancora l’orrore del secondo conflitto mondiale con gli indimenticabili eroismi della Folgore, El Alamein, Cefalonia. Per non dimenticare…

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Di padre in figlio, l’onore senza confini

Category: Notizie
0
200 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.