17052008011_1.jpg

Oggi apro il Corriere e a corredo di un pezzo della brava Lilli Garrone, mi trovo immortalato nell’atto di scattare una foto con il mio telefonino. La didascalia recita ” e c’è chi come Federico Mollicone scatta una foto ricordo”…inutile dire quanto abbia riso di fronte ad una simile interpretazione. E già perché è vero che stavo scattando una foto, ma non per emozione da turista consigliere in visita in Campidoglio, bensì per passione da blogger che vuole postare e far stare amici e sostenitori in aula con il sottoscritto, lì dove i fatti accadono. Quella che potete vedere è la foto in questione. A seguire un lancio sulla grave vicenda del Pigneto che ha messo “fuori gioco” Veltroni, il Pd e tutti i centri sociali…

RAID CONTRO IMMIGRATI: MOLLICONE (PDL), SINISTRA CHIEDA SCUSA

(V.’RAID CONTRO IMMIGRATI: PARLA AGGRESSORE…’DELLE 9.37) (ANSA) – ROMA, 29 MAG – Dopo rivelazioni di ‘Ernesto’, la giunta Alemanno dovrebbe riflettere su costituzione di parte civile e la sinistra dovrebbe chiedere scusa al sindaco e smetterla con la ‘cronaca fantasy’ anche sui fatti della Sapienza. E’ quanto hanno detto in una nota Federico Mollicone, consigliere comunale del Pdl e Daniele Rinaldi, consigliere del VI municipio.

‘Quanto apparso stamattina in un noto quotidiano – hanno proseguito affermano i due esponenti del Pdl – chiude definitivamente le speculazioni politiche in merito ai gravi fatti del Pigneto’. L’uomo intervistato ‘confessa di essersi fatto giustizia sommaria per un senso di esasperazione che prevale tra i residenti del Pigneto. Un atto che, se pur condannabile come ovvio, costringe i centri sociali e la stampa progressista, financo gli esponenti locali e nazionali, a chiedere scusa al sindaco Alemanno che ha dimostrato sensibilita’ istituzionale’, hanno aggiunto Mollicone e Rinaldi. (ANSA).

 

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Se un blogger viene scambiato per un consigliere/turista

Category: Notizie
0
183 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.