boccioni_citta.jpg 

Presidente della commissione cultura, sport, politiche giovanili e comunicazione. Chi? Lui? Io ? Io?!? Io! O meglio noi…noi che negli anni ’70 con i campi Hobbit abbiamo dimostrato agli intellettuali organici, ai teppisti odiologici, ai conformisti sinistri che esisteva una cultura di destra; noi che negli anni ’80 con Morbillo e i fumetti nelle scuole al posto dei ta ze bao abbiamo dimostrato, a chi si faceva solo i cazzi suoi nei caldi piumini del disimpegno,  che esisteva una satira e creatività non conformista; noi che negli anni ’90 abbiamo dimostrato che era possibile diventare egemoni nelle scuole e università portando Junger, Marinetti, D’Annunzio alla Sapienza e far diventare Ministro dei govani un hobbit della Garbatella. Ora quelle due generazioni, la prima rappresentata da Croppi, l’assessore alla cultura, e l’altra dal sottopostato, hanno un compito immane. Un onore e un onere. Non c’è nulla di individuale in questi incarichi. Dovremmo dimostrare che esiste una cultura per tutti, che si rivolge a tutti, che è di tutti. Come fotoelettriche impazzite illumineremo i cieli scuri del conformismo, cercando stelle mobili. La miccia è accesa. Si attende l’esplosione. E non ci saranno notti bianche ma notti in bianco di fervente ricerca per dimostrare che esiste un fiume carsico delle mille culture e tradizioni che si immerge ma che è pronto a riemergere improvviso per dimostrare che passato e futuro sono contemporanei. Non c’è nulla di immobile nella nostra moderna intuizione della vita…

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Non c’è nulla di immobile nella nostra moderna intuizione della vita…

Category: Notizie
0
57 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *