Federico Mollicone

Federico -44 anni, sposato, due figli- unisce la preparazione politico-amministrativa alla vocazione sociale. Attivo sul fronte del volontariato, negli anni ’90 prende parte a diverse missioni umanitarie in Romania, Croazia, Kosovo, portando aiuti ai bambini vittime della guerra. Lavora nel campo della comunicazione; è stato responsabile dell’immagine di Alleanza nazionale fino al 2008. Dal 2001 al 2005 è stato consulente della Commissione bicamerale d’inchiesta Mitrokhin.

Ha ricoperto il ruolo di Presidente della Commissione Cultura, Sport, Politiche Giovanili, Toponomastica e Comunicazione di Roma Capitale. È stato anche Delegato del Sindaco dell’International Business Advisory Council (IBAC), il consiglio internazionale che si riunisce per ragionare e investire su progetti di sviluppo strategico e sostenibile.

Nel corso dell’attività istituzionale, ha ideato e realizzato tre circuiti culturali (Roma in scena, Roma segreta, lo Sport nei Parchi) con i quali ha potuto rinnovare e ampliare l’offerta culturale nella Capitale.

Ha valorizzato l’arte equestre, la tradizione militare e quella buttera e ha fatto rinascere – in soli 5 anni – la commedia dell’arte e il Carnevale romano, ormai dimenticato da più di 150 anni, portandolo ad essere la più importante manifestazione internazionale di Roma Capitale.

Ha difeso e valorizzato le associazioni di rievocazione storica dell’antica Roma. Si è fatto portavoce di alti dibattiti culturali come la riqualificazione di
Tor Bella Monaca, la pavimentazione dei sampietrini di via Nazionale e del centro, la riqualificazione del Pincio, di piazza Vittorio e del parco di Colle Oppio.

Ha portato a Roma le grandi mostre di Leonardo, Michelangelo e Canova, promuovendo importanti esposizioni di arte moderna e contemporanea tra cui l’installazione di Javier Marin alla terrazza del Pincio e al Macro. La sua azione culturale si è rivolta con grande sensibilità anche al mondo della danza, promuovendo rassegne e premi internazionali quali il Premio Roma e il Premio Positano. Ha contribuito alla valorizzazione e alla promozione del Teatro dell’Opera e della lirica.

Nello sport, ha sostenuto la Maratona di Roma e ha ideato il Trofeo di nuoto Natale di Roma e contribuito al piano regolatore dell’impiantistica sportiva.

Nel dicembre 2012 lascia il Popolo della Libertà per fondare a Fratelli d’Italia, il soggetto politico ideato da Giorgia Meloni, Fabio Rampelli e Guido Crosetto perché crede nella possibilità di riscattare l’Italia dal degrado e dal declino ricostruendo la buona politica fondata sull’onestà, il merito, la partecipazione, la competenza. Sfidando il futuro. Senza paura.

Attualmente, dopo aver svolto il ruolo di capogruppo in Aula Giulio Cesare, è Responsabile nazionale del Settore Comunicazione di Fratelli d’Italia e dirigente romano nella Costituente di Roma.

Ha pubblicato tre libri con Palombi e molti altri saggi su arte e comunicazione con case editrici nazionali e specializzate. Organizzatore culturale di molti grandi eventi della capitale, è membro di giuria del Premio d’arte contemporanea Adrenalina. Collabora con la webzine Artemagazine. Crede nel futuro, detesta i pessimisti e ama i gemelli e le stecche per le camicie.