caroselloevidenzaNotizieslider

 

Press conference to present the third edition of the Festa del cinema di Roma" that will take place from 22 to 31 of October 2008. In the picture the new Roman mayor Gianni Alemanno, the new president of the Rome International Film Festival Gian Luigi Rondi and the ex president Goffredo Bettini. Auditorium Parco della Musica June, 12, 2008.  Roma 12/06/2008. Presentazione all'Auditorium della Musica della III edizione della Festa Internazionale del Cinema di Roma. Nella foto Il sindaco di roma Gianni Alemanno, il nuovo presidente della Fesata del Cinema Gian Luigi Rondi ed il presidente uscente Goffredo Bettini Photo Samantha Zucchi Insidefoto

 
L’omaggio a Rondi è certamente doveroso per ciò che il critico e sceneggiatore  ha rappresentato per il cinema italiano. E proprio in virtù di queste sue grandi qualità il centrodestra accettò la proposta della sua Presidenza al Festival del cinema di Roma come Presidente di garanzia dopo Goffredo Bettini che, infatti, lo rivendica in maniera, a dire il vero, un po’ patetica.
Questo dimostra che scegliemmo le capacità e l’esperienza nonostante la sua appartenenza alla sinistra. Poi si sa nelle istituzioni culturali, anche con la destra al governo,  bastava essere amici di Gianni Letta al di là del partito.
Ora auspichiamo si apra una stagione del merito e del rinnovamento senza gruppi di influenza o di appartenenza. Sognamo una Nazione nella quale si possa fare cultura liberamente senza essere cortigiani di questo o quel potente e senza tessere di partito.
caroselloNotizie

Il Festival del Cinema di Roma all'Auditorium

Complimenti a Marco Muller e Lamberto Mancini per un’ impresa da record. In pochi mesi hanno lavorato con grande attenzione e serietà per far sì che, quello che si svolgerà dal 9 al 17 novembre, possa essere un Festival formattato, con un alto profilo internazionale.
Finalmente, un Film Fest all’ altezza di Roma capace di dialogare con la città.

Alla sinistra, che solo oggi fa le pulci al Festival, daremo piena soddisfazione convocando in commissione Cultura il direttore Mancini, chiedendo di portare conti e appalti delle precedenti edizioni allo scopo di verificarne la congruità dei costi.