evidenza

“La puntata con Luxuria della trasmissione ‘Alla lavagna’ è vergognosa.  Luxuria indecente, non essendo più esponente politico ci chiediamo cosa ci stesse a fare in tv, in uno spazio del servizio pubblico radio televisivo a fare propaganda transgender alla presenza di bambini. Surreale poi Spadafora, deputato del M5S e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari opportunità, che difende Luxuria, la cui presenza è inaccettabile nel merito e per qualifica. A che titolo quindi ha partecipato alla trasmissione? Annunciamo un’interrogazione in Commissione Vigilanza su quanto accaduto”.

E’ quanto dichiara in una nota Federico Mollicone, deputato di Fdi e componente della Commissione di Vigilanza Rai.

evidenza

“Scuse pubbliche o porteremo il caso in Vigilanza. Solidarietà al giornalista Rai Alessandro Giuli, professionista serio e preparato”. Lo dichiara il deputato di Fratelli d’Italia e membro della Commissione di Vigilanza Rai, Federico Mollicone, a proposito di alcuni retweet pubblicati dall’account ufficiale della trasmissione Rai ‘Blob’ contenenti insulti rivolti al giornalista Rai Alessandro Giuli, ospite del talk Agorà di Serena Bortone.

evidenza

“Il deficit negli anni precedenti era al 3% nel 2014, al 2.60% nel 2015, al 2.50% nel 2016 e al 2.40% nel 2017 mentre la previsione per quest’anno si aggira sul 2.4% e anche il debito pubblico è rimasto sostanzialmente fermo passando dal 131% del Pil del 2014 al 130,8% previsto per quest’anno. Questi numeri sono quindi tutti assolutamente uguali e qualche volta anche superiori a quelli che questa legge di Bilancio conteneva almeno inizialmente. Non capiamo pertanto come mai solo adesso la Commissione europea minaccia bocciature e sanzioni all’Italia quando non l’ha fatto per gli anni precedenti. Sarà forse perché la composizione dei governi italiani di quegli anni era politicamente omogenea a quella della Commissione, ossia l’alleanza di fatto tra il Partito Popolare Europeo e il Partito Socialista Europeo? Premesso questo, va detto però che con questa manovra il livello della pressione fiscale sarà in aumento e la Flat tax che era la misura economica qualificante del centrodestra viene rinviata a data da destinarsi.  Quella del governo rimane una manovra assistenzialista che ha il suo fulcro contabile e simbolico nel reddito di cittadinanza. Non una manovra espansiva quindi che scommette sul futuro e l’unico modo per emendarla è quella di strapparla”.

Così il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone intervenendo in aula e concludendo il suo intervento strappando simbolicamente una copia della legge di Bilancio.

dl dignità, la protesta in Aula
AttualitàcaroselloevidenzaNotizieslider

dl dignità, la protesta in AulaAbbiamo inchiodato in aula, per quattordici ore, la maggioranza sul decreto dignità. Abbiamo votato articolo per articolo e su ognuno abbiamo fatto le nostre proposte dopo settimane di incontri, audizioni, commissioni. Mi sono lasciato trasportare dalla passione nei miei interventi sul decreto e sulla scuola. Talvolta ho alzato la voce e me ne scuso, ma questo gesto simbolico l’ho fatto con ferma determinazione. Sono salito sullo scranno. Come in un famoso film di formazione che dovrebbero proiettare nelle scuole perché insegna che : “È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva” #osarecambiare L’Attimo fuggente

In solidarietà con le maestre, tutti i docenti e gli studenti che hanno la vocazione dell’insegnamento.

Musei, da Bonisoli cambiamento solo contro cittadini
AttualitàcaroselloevidenzaNotizieslider

 Musei, da Bonisoli cambiamento solo contro cittadini Pur stimando il tecnico, ci resta incomprensibile il motivo per cui il neoministro Bonisoli è fino ad ora continuista con Franceschini su tutto, dalle nomine dei dirigenti alla nomina del curatore della biennale di Venezia, fino all’assegnazione del Fus ma si manifesta discontinuo abolendo una delle poche iniziative tecnicamente corrette che danneggia i cittadini. Ben prima di Franceschini, infatti, già Roma aveva sperimentato la gratuità dei musei portando anche nella capitale la ‘Notte dei Musei’, appuntamento europeo ignorato dalle precedenti giunte di centrosinistra. Ma ancora ‘Musei in Musica’, ‘Roma in scena’ e ‘Roma segreta’: tutti circuiti gratuiti con spettacolo dal vivo istituiti da noi, che fecero aumentare i visitatori con un effetto volano e che fecero scuola anche a livello nazionale. Consiglieremo al ministro di cambiare davvero nella gestione del Mibact senza danneggiare i cittadini e favorendo il consumo culturale.

DL DIGNITÀ: RISCHIANO LICENZIAMENTO MIGLIAIA DI DIPLOMATI MAGISTRALI
AttualitàcaroselloevidenzaNotizieslider

DL DIGNITÀ: RISCHIANO LICENZIAMENTO MIGLIAIA DI DIPLOMATI MAGISTRALI Con il dl dignità migliaia di diplomati magistrali entrati nelle graduatorie ad esaurimento con riserva o che sono in possesso di un contratto a tempo indeterminato e hanno preso il ruolo anche da 4 o 5 anni, rischieranno il licenziamento. Avete declamato di voler ridare dignità ai lavoratori ma agli insegnanti cosa date invece? Nel migliore dei casi li mettete gli uni contro gli altri, nel peggiore li licenziate. Così come farete licenziare tutti quei lavoratori a cui le imprese non rinnoveranno più nemmeno i contratti a tempo determinato. Anni di insegnamento buttati al vento. Intere famiglie gettate nella disperazione. Questo decreto era forse nato con le migliori intenzioni ma ha dimostrato nella sua articolazione di essere molto incompleto e in alcune parti estremamente generico, aumenta gli oneri contributivi sulle imprese causa principale della mancata crescita occupazionale, ed è privo di prospettive di sistema nel complesso e delicato settore del diritto del lavoro.

RIVER, FOLLIA TRASFERIRE SGOMBERATI A VIA RAMAZZINI
AttualitàcaroselloevidenzaNotizieslider

RIVER, FOLLIA TRASFERIRE SGOMBERATI A VIA RAMAZZINI Consideriamo una follia sgomberare un campo rom, come nel caso del Camping River sulla Tiberina, e trasferirlo poi in una struttura della Croce Rossa al centro di quartieri popolari come Portuense e Monteverde. Lo stesso centro, in via Ramazzini, che peraltro aveva già dovuto mandar via i rifugiati perché inadatto all’accoglienza. Ci chiediamo cosa facciano Comune e Governo oltre che spostare il problema in zone dove i rom avranno un più forte impatto sociale sulla sicurezza e la tensione. Fratelli d’Italia si è già mobilitata con Rocca e Garipoli sul territorio e presenterà interrogazioni in ogni Consiglio fino al Parlamento per impedire questo trasferimento.

AttualitàcaroselloevidenzaNotizieslider

Scuola, solidarietà a maestreOggi pomeriggio una delegazione di Fdi, composta anche da Paola Frassinetti vicepresidente commissione Scuola e dalle deputate Ella Bucalo e Monica Ciaburro, ha partecipato in solidarietà al sit-in di protesta davanti a Montecitorio organizzato dal coordinamento delle maestre diplomate magistrali per contestare la parte del Decreto Dignità che riguarda il loro comparto. Abbiamo espresso la nostra solidarietà e confermato che Fratelli d’Italia presenterà in Aula tutti gli emendamenti – anche quelli bocciati in commissione Lavoro – perchè riteniamo che l’insegnamento di cui lo Stato ha usufruito in questi anni per aprire le scuole possa essere solo stabilizzato. Il Governo non puo’ privilegiare una categoria su di un’altra e’ proprio sul cosiddetto decreto dignita’ che cerca di sanare il precariato non si puo’ fare altro che rivendicare la difesa dei ruoli e l’apertura delle Gae seppure con criteri che rispettino i diversi percorsi. Riteniamo che umiliare una categoria come questa corrisponda alla logica del male minore che certo non puo’ essere quella del sedicente ‘governo del cambiamento’.

MIBACT, BONISOLI ACCOGLIE NOSTRA RICHIESTA TRASPARENZA SU FUS
AttualitàcaroselloevidenzaNotizieslider

MIBACT,  BONISOLI ACCOGLIE NOSTRA RICHIESTA TRASPARENZA SU FUS Prendiamo atto che il ministro dei Beni e delle attivita’ culturali, Bonisoli, nel corso dell’audizione di oggi ha accolto la richiesta di Fratelli d’Italia di un incontro col Movimento spettacolo dal vivo, associazione di attori e attrici che sosteniamo sin dalla sua nascita, a seguito della manifestazione di solidarietà trasversale da parte di tutte le forze politiche. Nell’audizione che si e’ tenuta oggi col ministro abbiamo sollevato una serie di questioni per sancire una rottura coi precedenti ministri: prima tra tutte, quella del FUS (Fondo unico per lo spettacolo) che rischia di ipotecare per tre anni tutta la scena culturale italiana. Tra le altre questioni su cui ci aspettavamo una discontinuità, c’e’ la nomina del curatore della Biennale già scelto precedentemente, come pure la scelta di alcuni dirigenti e delle consulte. Inoltre, alcune indiscrezioni da Collegio romano, darebbero per certo il ritorno di Nastasi, super dirigente Mibact voluto dai passati governi Pd, ora alla presidenza del Consiglio. Che fine ha fatto l’applicazione della legge sullo spoil system e il cambiamento?. Altro tema caldo eè la riforma della legge Bray per il rilancio e la difesa della Lirica e della Danza italiana. In particolare abbiamo attaccato la gestione Fuortes di Roma che rischia di uscire dalla legge Bray, ha perso 700.000 biglietti e il 63% dei fondi privati nel 2017. Chiediamo un cambiamento anche qui. E un cambiamento non c’e’ stato neanche sul fallimentare bonus renziano ’18App’ che sara’ confermato identico per il 2018, mentre temiamo ci siano solo intenzioni fumose per il 2019.