Governo: su cultura da Conte nessuna visione

0

Governo: su cultura da Conte nessuna visioneAbbiamo seguito con estrema attenzione le linee programmatiche presentate dal presidente Conte e pur ritenendole sommarie e superficiali su molti temi ci ha colpito l’assoluta assenza di una visione riformatrice sulla cultura. Non vorremmo che anche con il governo del sedicente cambiamento la cultura e il turismo siano ambiti considerati minori. L’indotto culturale produce il 5 % del Pil e riceve dallo Stato lo 0,7. Non capire che investire in cultura vuol dire creare lavoro e valorizzare il nostro patrimonio archeologico e museale significa non avere una strategia di governo sui beni culturali materiali e immateriali. Mettiamo a disposizione, pur dall’opposizione, le nostre proposte per la cultura: valorizzare l’Italia del museo diffuso storico e archeologico, del teatro,della danza, della musica lirico sinfonica, della Rievocazione storica e delle tradizioni popolari anche attraverso la deducibilità delle spese per consumo culturale personale; il rafforzamento degli strumenti di sussidiarietà pubblico-privato. Il reintegro del 2 x mille alle associazioni culturali e di promozione sociale; l’affitto a lungo termine a musei esteri del nostro materiale storico e artistico inutilizzato; un piano straordinario di manutenzione delle nostre città, la riqualificazione delle periferie, del paesaggio e dei siti di interesse monumentale anche attraverso la sostituzione edilizia. Al ministro Bonisoli lanciamo queste proposte e un allarme.

L’allarme riguarda l’assegnazione dei fondi del FUS che, incredibilmente, sono ora in assegnazione con commissioni per danza e teatro, nominate a Gennaio 2018, ovvero poco prima dello scioglimento delle Camere. Ci arrivano in queste ore, infatti, notizie allarmanti di esclusioni eccellenti di realtà culturali nella danza e nel teatro che sempre hanno vista riconosciuta la propria professionalità e creatività. Chiediamo al ministro Bonisoli di congelare l’esito delle graduatorie e far verificare tutto in autotutela per evitare ricorsi che già si prefigurano per poi procedere ad una rivoluzione del Fus, in quanto così com’è non garantisce parità di accesso e rispetto delle produzioni artistiche. I fondi assegnati condizioneranno per 3 anni il panorama culturale italiano e saranno stati determinati da commissioni nominate da un governo uscente senza più alcuna legittimazione.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Share.

About Author

Leave A Reply