Essendo tra coloro che sono usciti dall’Aula Giulio Cesare per il minuto di silenzio dedicato a Rosario Bentivegna, il collega De Priamo ed io riteniamo doveroso precisare che non si è trattata di una mancanza di rispetto nei confronti della persona, bensì del gesto commesso il 23 marzo 1944, che ha provocato la morte di Pietro Zuccheretti e l’eccidio delle Fosse Ardeatine. È necessario analizzare la vicenda, che non c’entra nulla con la liberazione d’Italia dalle forze di occupazione tedesche, anche dal punto di vista etico e del codice di guerra. A fronte della minaccia di ritorsione nazista, Bentivegna avrebbe dovuto costituirsi, risparmiando così la vita a 335 civili e militari italiani. Per molto meno, ossia un incidente fortuito e non un attentato organizzato, Salvo D’Acquisto venne fucilato e offrì la sua vita per salvare la vita a 22 persone. Per questo, il carabiniere ventitreenne è un eroe, Bentivegna no.

Il caso Zuccheretti, il giovane dilaniato dall’ordigno dei GAP e ritratto in una foto diffusa in rete, è stato sempre rimosso dalla sinistra. Nonostante le inchieste serrate e puntuali di tre giornalisti, come Pierangelo Maurizio, Francobaldo Chiocci e Gian Paolo Pelizzaro, abbiano dimostrato l’autenticità della foto, la Corte di Appello di Milano ha deciso di dichiararla falsa. È arrivato il momento di fare chiarezza e riscrivere questa pagina dolorosa della storia nazionale, attribuendo alla famiglia Zuccheretti la medaglia d’oro al valore civile.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

D’Acquisto un eroe, Bentivegna no. Medaglia d’oro alla famiglia Zuccheretti.

Category: Notizie
0
7 views

Join the discussion

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *