Nell’ ambito del consiglio del I municipio è stato approvato a sorpresa il piano sicurezza per il rione Esquilino che era stato la causa dell’interruzione del “consiglio aperto” svoltosi nei giorni scorsi nel rione.

 

La sconfitta della maggioranza Lobefaro, maturata grazie all’astensione di Rifondazione comunista dimostra 2 cose: in primis che, nonostante il brutale omicidio di Tor Di Quinto, Veltroni e i suoi non vogliono percorrere la strada che porta a maggiore sicurezza e controllo del territorio per pregiudizio ideologico. In secondo luogo che l’opposizione ha ottenuto un successo importante battendo il centrosinistra di Lobefaro .

 

Ora invieremo il testo del piano approvato al prefetto e al sindaco affinché sia garantita esecutività di questo atto istituzionale.

 

Le misure più salienti del piano per l’Esquilino proposto da Alleanza Nazionale, e sostenuto da Forza Italia, prevedono in particolare:

 

  • La creazione di una task force interforze da estendersi anche al resto del centro storico con un presidio degli operatori della sicurezza a scopo preventivo nelle principali piazze e aree verdi del rione ( Piazza Vittorio, Piazza Manfredo Fanti e Piazza Dante…) ;

  • Un censimento del commercio del rione sulle base delle delibere di tutela approvate in consiglio e la chiusura delle sale giochi e delle altre attivata non in regola dal punti di vista merceologico e della tutela del lavoro minorile;

  • Un presidio fisso interforze nell’area di Colle Oppio e la realizzazione di un piano di recupero dell’area verde con installazione di giochi per bambini e recinzione del Campo della Polveriera;

  • Una commissione speciale sull’Esquilino con poteri equivalenti ad altre commissioni per rendere esecutivi i provvedimenti dell’amministrazione nei confronti del territorio

  • Un finanziamento straordinario alle attività culturali per il territorio, per caratterizzare in positivo i luoghi artistici e culturali della zona come l’Auditorium di Mecenate ;

  • Censimento, verifica e chiusura immediata di tutti i luoghi di culto che non rispettano il vincoli urbanistici della destinazione d’uso a tutela della legalità della tradizione cristiana del rione;

  • Verifica sulla residenzialità e del fenomeno dei subaffitti e dei Bed and Breakfast illegali.

 

La mozione impegna inoltre il presidente Lobefaro ad impegnarsi presso il sindaco per l’eliminazione retroattiva degli ultimi cinque anni di Ici e il censimento antievasione sull’accatastamento dei locali. vigileremo ora affinché quest’atto non rimanga lettera morta, e siamo pronti ad andare dal prefetto affinché venga attuato.

Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive

Equilino – centro storico: I municipio Approva piano sicurezza proposta da AN

Category: Notizie
335 views